InformativaQuesto sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

crescono le imprese, cresce la Calabria.

testatapress.jpg

Tredicesima edizione del progetto promosso dalle tre università calabresi, Regione e Fincalabra: l’obiettivo è frenare la fuga dei cervelli.

CATANZARO Al via la 13esima edizione di “Start Cup Calabria”, la “business plan competition” tra studenti, laureati, ricercatori, docenti, aspiranti imprenditori che intendono trasformare in realtà aziendale e in un’impresa un’idea di carattere innovativo. La manifestazione è promossa dalle tre Università calabresi, la “Magna Graecia” di Catanzaro, che quest’anno la ospiterà, l’Unical di Arcavacata di Rende, e la “Mediterranea” di Reggio Calabria, dalla Regione e da Fincalabra.

“Start Cup Calabria”, presentata oggi in una conferenza stampa a Catanzaro, prevede vari step: il primo, dal nome “Village”, a luglio, agosto e Lno a inizi settembre, è una fase di “scouting”, con la raccolta delle idee imprenditoriali innovative, il secondo, dal titolo “Acdemy”, per tutto settembre, è una fase di formazione, il terzo, dal titolo “Award”, a ottobre, è la fase Lnale nella quale saranno indicati il vincitore della “competition” e le tre idee innovative di impresa che parteciperanno poi a Pne novembre al Pni, il Premio nazionale dell’innovazione in programma all’Università Tor Vergata di Roma.

«Collaborazione tra gli atenei calabresi per la crescita del territorio»

«Siamo molto contenti di ospitare questa edizione della “Start Cup Calabria”», ha detto il rettore dell’Università di Catanzaro, Giovanbattista De Sarro, per il quale «si conferma la collaborazione degli atenei pubblici calabresi e questa è la miglior risposta che il mondo accademico può dare in questo momento per la crescita del territorio. L’obiettivo della manifestazione infatti – ha aggiunto De Sarro – è quello di aiutare i nostri giovani a realizzarsi, fare impresa e a restare in Calabria». Anche Maurizio Muzzupappa, docente dell’Università della Calabria, e Stefano Alcaro, direttore della della Scuola di Alta formazione dell’Umg di Catanzaro, hanno rimarcato il valore e l’importanza della sinergia interaccademica alla base del progetto “Start Cup Calabria”. Per Alessandro Zanfino, presidente di Fincalabra, la finanziaria della Regione, «è importante puntare sull’innovazione e sulla collaborazione tra istituzioni e mondo universitario, soprattutto in vista dell’arrivo delle risorse del Pnrr, che richiederà una straordinaria capacità organizzativa. Sotto questo aspetto iniziative come “Start Cup Calabria” sono strategiche». Il titolo scelto per la 13edizione di “Start Cup Calabria” è “Un passo verso il futuro”, un gioco di parole con il termine “pass” per esprimere – hanno detto gli organizzatori – l’esigenza della ripartenza della Calabria. Nel corso della conferenza stampa sono anche stati presentati i risultati delle precedenti edizioni di “Start Cup Calabria”, con la nascita di 26 nuove aziende, circa 700 idee di impresa raccolte e con realtà che arrivano a fatturare anche 6 milioni di euro.

 

Fonte: Corriere della Calabria - Leggi l'articolo